Clikka QUI per scaricare informazioni dettagliate su come realizzare un pavimento in terra cruda secondo la mia particolare tecnica tratta da Athena e Bill Steens. Molte altre possono essere le possibilità.

L’ARGILLA è un sedimento minerale sciolto estremamente fine con dimensioni inferiori a 2 μm di diametro. La formazione delle Argille come sedimenti sciolti avviene per dilavamento delle rocce madri sotto l’influenza di un largo spettro di processi chimici, fisici e biologici influenzati dalle condizioni bioclimatiche e dalla vita animale e vegetale.

L’argilla è una frazione della TERRA.

Solo le terre che hanno una frazione argillosa potranno essere trasformate e divenire l’ingrediente base di una malta o utilizzate come materiale da costruzione.

Grazie alla sua sensibilie plasticistà e adesione se miscelata in acqua e ai suoi elevati valori di coesione allo stato asciutto l’argilla in una malta a base di terra svolge la funzione di LEGANTE degli ingredienti.

Le fibre e gli inerti sono generalmente gli altri ingredienti di una malta in terra. Le loro caratteristiche, dimensioni e proporzioni variano, secondo il tipo di terra a disposizione, il tipo di supporto e la funzione che la malta deve svolgere.

Gli INERTI sono una larga categoria di minerali granulari grezzi. La loro massa, la loro conformazione e l’invarianza delle loro proprietà fisiche hanno un ruolo molto importante sulle caratteristiche meccaniche della malta, conferendogli la funzione di OSSATURA. In una malta a base di terra la sabbia è, tra gli inerti fini, l’ aggregato più comune (silicei, silicati, calcari). Ma è possibile utilizzare anche altri tipi di aggregati di origine minerale quali granulati di argilla espansa, pietra, tufo, vermiculite, coccio pesto, marmo etc.

La FIBRA è l’insieme dei prodotti fibrosi che, per la loro lunghezza, elasticità e resistenza creano strutture flessibili e tenaci, le cui caratteristiche variano impercettibilmente in fase di essiccazione. Tali proprietà gli conferiscono in una malta la funzione di ARMATURA. In una malta a base di terra la paglia di grano è la fibra più comune. Ma è possibile utilizzare anche altri tipi di fibra di origine vegetale: canapa, orzo, cocco, juta, lino, trucioli di legno, segatura, cellulosa etc.; o animale: crini o peli di cavallo o altri animali.

La scelta della terra, degli inerti e delle fibre oltre che seguire delle regole funzionali alla composizione della malta e alla sua destinazione possono essere selezionate secondo l’EFFETTO ESTETICO desiderato per il prodotto finito. Il risultato sarà così personalizzato in colore (bianco, rosso, nero, etc) e tessitura: ruvida, liscia, con inerti o fibra a vista, con motivi grafici o in rilievo, etc.